I Falchetti scrivono la storia

Il Rugby Carpi scrive una pagina importante della sua storia vincendo la 18^ edizione del Torneo nazionale Sgorbati di Pieve di Cento, un appuntamento di grande tradizione nel calendario del minirugby svoltosi Domenica 8 Maggio. E’ la categoria under 8 a vivere una giornata di gloria, vincendo tutte le partite. I falchetti partono subito forte dominando il match contro US Rugby Firenze e dimostrando buona precisione nei placcaggi, un gioco di squadra affiatato e tanta corsa. Proseguono la mattinata battendo Este Rugby e Cus Ferrara, nell’ultima partita un perentorio 3-0 contro i padroni di casa del Pieve di Cento dona ai falchetti, agli educatori e alle famiglie presenti la gioia di un successo che ha il sapore di storico, festeggiamenti poi proseguiti nel banchetto del terzo tempo.
Onorevole 4^ posto anche per la Under 12 (i nostri atleti nelle file dell’Olimpia Vignola rugby) che si è arresa nella finalina per il terzo posto al Rugby Club San Marino mentre la Under 10, nonostante l’impegno profuso, è arrivata all’ultimo posto nella sua categoria. Emozionati gli educatori Stefano Bolognesi e Luca Carboni: “I bambini si sono molto divertiti e per noi questa è sempre la cosa più importante, inoltre oggi sono arrivate tante vittorie che significano che stando uniti, giocando insieme per un obiettivo comune si può arrivare lontano”.

I risultati del Rugby Carpi nel Torneo “Sgorbati” – cat.Under 8

Rugby Carpi – US Rugby Firenze 5-1
Rugby Carpi – Cus Ferrara 6-3
Rugby Carpi – C’è l’Este Rugby 5-2
Rugby Carpi – Pieve di Cento 3-0

I risultati sul sito del Rugby Pieve di Cento

http://www.rugbypieve.it/?p=562

I Falchetti e gli allenatori festeggiano subito dopo la premiazione del Torneo Sgorbati

2 Comments

  • Luca Galanti
    Posted 26 Settembre 2011 14:07

    Falchetti the best ever … W il rugby!!

  • Luca Galanti
    Posted 26 Settembre 2011 14:13

    Inoltre vorrei consigliare ai dirigenti del rugby Carpi di rivedere la scelta dei tecnici Carboni e Bolognesi. Mai fare allenare a un ex giocatore di prima linea, figuriamoci due … 🙂

Leave a comment